Mezzo Tight: Oggi vi parlerò del mio preferito

01 Febbraio 2019 / By Massimiliano Sorvino
Mezzo Tight: il giusto compromesso per lo sposo che vuole vestire al top del cerimoniale senza distaccarsi troppo dalla sua personalità

Carissimi lettori, spesso mi hanno chiesto perchè consiglio il Mezzo Tight come abito da indossare per una cerimonia importante come il matrimonio.
Il Mezzo Tight è una variante del classico Tight, insieme al frac è l’abito maschile riconosciuto universalmente come il massimo da indossare per occasioni importanti.   Nasce come abito da giorno da indossare la mattina o il pomeriggio (fino alle 18).  La regola vuole che, se indossato dallo sposo, deve essere indossato anche dai testimoni, dal padre e dai fratelli.  Nei matrimoni di un certo rango è addirittura indossato da tutti gli invitati uomini. Il Mezzo Tight è una variante meno impegnativa del tight classico e si differenzia per l’assenza della coda della giacca.

Personalmente non ho dubbi nel consigliare ad un uomo che oggi decide di sposarsi di provare ad indossare un Mezzo Tight per una serie di considerazioni. Attualmente il frac e il tight classico con la coda sono abiti di altissimo spessore ma allo stesso tempo molto impegnativi ed ormai si vedono sempre meno in cerimonie comuni come i matrimoni. Il Mezzo Tight si presenta come la soluzione migliore per lo sposo che vuole essere al top senza rinunciare alla praticità scegliendo una soluzione comoda e giovanile.

Adesso andiamo a vedere nel pratico le caratteristiche e gli abbinamenti per indossare questa creazione:

Giacca: è la parte più elaborata dell’abito, senza coda posteriore è caratterizzata da un taglio stondato (arrotondato dall’abbottonatura in giù). Petto a lancia e chiusura ad un bottone. Colore nero o antracite.

Pantaloni: Taglio dritto con orlo semplice senza risvolti. Colore grigio gessato nelle varie tonalità.

Gilet: Doppiopetto o monopetto, scollatura semplice. Colore grigio perla.

Camicia: Collo diplomatico, polso a gemelli doppio risvolto. Colore rigorosamente bianco.

Scarpe e Cintura: Classiche con suola in cuoio cucita a mano. Colore nero lucido

Accessori: Si può abbinare sia la cravatta che il papillon o il plastron. Colore rigorosamente grigio perla come il gilet.

Parlando a nome del mio marchio “Massimiliano Sorvino – Sartoria italiana”, ho sempre affermato pubblicamente la mia preferenza per il Mezzo Tight, soprattutto per la Moda Sposo Uomo. Resta per me una soluzione ideale da consigliare come prima scelta per dare ulteriore importanza alle cerimonie. Presso le mie sartorie è possibile venirlo a provare e scegliere tra diverse soluzioni. Abbiamo sia l’abito già confezionato che lo si può adattare e modificare in base alla vestibilità e alle richieste del cliente. Per i più esigenti abbiamo a disposizione il nostro servizio su misura dove è possibile scegliere tra una vasta varietà di tessuti italiani e godere della disponibilità dei nostri sarti per progettare insieme il cartamodello da affidare alla produzione dei nostri laboratori artigianali.

Massimiliano Sorvino

Richiedi una consulenza





Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web. Per ulteriori informazioni leggi la Privacy and Cookie Policy.

About The Author

Massimiliano Sorvino

Massimiliano Sorvino, classe 1974, è la mente e la mano di Sartoria Italiana, il cuore pulsante di un progetto che promuove una produzione sartoriale dal forte sapore di vita. La passione di famiglia ha saputo evolversi con lui in nuovi dettagli di stile che guardano al domani con creatività ma traggono ispirazione dall’antica sartorialità napoletana. Disegna, taglia e cuce tessuti unici made in Italy e rende ogni capo un’opera intima e personale, espressione di altissima artigianalità.